Pagine

martedì 2 maggio 2017

Ennio Minerva, un grande artista da riscoprire.

Ennio Minerva, “Vasto: Porta Catena”, 1993, zincografia acquerellata a mano, collezione privata.


Ennio Minerva col figlio Vito.
Ennio Minerva (Agropoli, 28 febbraio 1936 – Vasto, 3 gennaio 2010) ha compiuto gli studi artistici a Lecce, Chieti e Firenze.
E’ stato allievo di Tommaso Cascella, di Ottone Rosai e di Renato Guttuso.
Ha partecipato a importanti rassegne nazionali ed internazionali.
Vincitore del Premio “San Luca” di Bologna (grafica); del Premio Vigevano; della Mostra d’Arte Sacra di Roma; del Maggio Fiorentino (ceramica); della Mostra Internazionale di Bruxelles (bianco e nero); della Mostra Internazionale della ceramica di Oslo (scultura-maiolica); dell’Esposizione europea della ceramica di Nantes (bassorilievo); medaglia d’oro del Presidente della Repubblica alla XII Rassegna d’Arte di Verona ed alla Mostra del piccolo formato di Pescara; Coppa d’argento “Spataro” al Premio Vasto.
Ennio Minerva con Paolo Alessandrini
E’ stato presente alla Mostra Nazionale di Bari; alla Mostra Internazionale di Palazzo Strozzi di Firenze; alla Quadriennale di Roma; alla Mostra di pittura figurativa di Trieste, Milano, Verona.
Ennio Minerva, affresco chiesa San Lorenzo, Vasto, 1978.
Sue opere sono in collezioni pubbliche e private di Berlino, Stoccarda, Monaco, Philadelfia, New York, Boston, Berna, Zurigo, Fiume, Nantes, Bruxelles, Oslo, Milano, Firenze, Roma, Pisa, Ravenna, Verona, Torino, Bari, Lecce, Palermo, Gardone, La Spezia, Vasto.
Lo hanno recensito: Catania, Carluccio, Guzzi, Menzio, Rosati, Viti, Valzecchi e Lionello Venturi.
Oltre ad essere stato un artista, è stato docente dell'Istituto d'Arte di Vasto e animatore della vita culturale cittadina per oltre mezzo secolo. 


Ennio Minerva con Vittorio Sarodi, Michele Marchesani e II d'AdAmo, al Miramare di Vasto. (Coll. Il d'AdAmo)




Per approfondimenti:






Nessun commento:

Posta un commento