Pagine

giovedì 11 maggio 2017

Gianluigi Casalengo, in arte Michelangelo Santarelli, medaglista e scultore.

Michelangelo Santarelli, “Ostensorio”, 2007, Chiesa di Sant'Andrea delle Fratte, Roma.

Gianluigi Casalengo
Gianluigi Casalengo, in arte Michelangelo Santarelli, nasce a Vasto il 21 agosto 1978.
Sotto la guida del nonno Luigi Santarelli, cesellatore, inizia i primi apprendimenti dello sbalzo e cesello.
Frequenta l'Istituto Statale d'Arte di Vasto e consegue il titolo di maturità artistica.
Per diversi anni lavora eseguendo ritratti, sculture, pitture, fumetti e organizzando diverse mostre.
Prosegue nel 2000 all' Accademia di Belle Arti di Roma, dove studia ed approfondisce le numerose discipline artistiche.
Vince presso l'Istituto Poligrafico e Zecca dello Stato il concorso triennale di addestramento alla "Scuola dell' Arte della Medaglia", dal 2002 al 2005.
“Cameo”, 2007, in pietra lavica, eseguito per i cento anni della scuola della medaglia, esposto al Vittoriano, Roma.
Dal 2007 al 2008 vince il concorso indetto dalla Regione Lazio per decoratore d'interni.
Viene chiamato per due volte dalla Valtur come scenografo.
Nel 2009 vince  il concorso come collaboratore restauratore di beni culturali di arte sacra in metallo alla scuola d'arti e mestieri di  Vicenza.
Michelangelo Santarelli, “Ritratto”, 2000, eseguito con la grafite.
Tutt'ora realizza ritratti, souvenir e medaglie a richiesta.


Per approfondimenti:

Nessun commento:

Posta un commento