Pagine

venerdì 5 maggio 2017

48 Acqueforti di Filippo Palizzi del 1853, tratte da "Usi e costumi di Napoli e contorni..." di Francesco De Bourcard.


48 Acqueforti di Filippo Palizzi (Vasto, 16 giugno 1818 – Napoli, 11 settembre 1899) del 1853, tratte da "Usi e costumi di Napoli e contorni..." di Francesco De Bourcard, Napoli.

Acqueforti tirate a torchio e colorate a mano raffiguranti scene di vita popolare napoletana.


48 Acqueforti:
I guagliune
Il calesso
Gli zingari
I mangia maccaroni
I Viggianesi
I zampognari
Il 4 di maggio
Il banditore di vino
Il caccia mole in carnevale
Il caffettiere ambulante
Il carrettiere
Il cenciaiuolo
Il ciabattino
Il ciucciaro
Il cocchiere
Il conciategami
Il fruttaiuolo ambulante
Il galantarario
Il giuoco della mora
Il guappo
Il capraio 
Il Maruzzaro
Il mulo di Massa
Il pizzaiuolo
Il portatore di acqua
Il pulizza stivali
Il ritorno da Montevergine
Il vaccaro
Il venditore di capitoni
Il venditore di robe vecchie
Il zampognaro co’ pupi
La capera
La fioraia
La lavandaia
La messa votiva
La ‘mpagliasegge
La nocellara
La nutrice
La serenata
Lazzaroni e facchini
Le bagattelle
Le zingare
Lo scrivano pubblico
Lo spazzaturaio
L’oliandolo
L’ovaiola
Marinai e pescatori
Scena delle feste di Montevergine



Nei primi anni Cinquanta dell’Ottocento il successo di Filippo Palizzi era cresciuto al punto da raggiungere l'America e la Russia. Fu allora che Francesco De Bourcard, editore svizzero amante di Napoli, ideò una raccolta di 100 acqueforti tirate a torchio e colorate a mano che raffigurassero scene di vita popolare napoletana, Usi e costumi di Napoli e contorni descritti e dipinti. De Bourcard si interessò della parte letteraria mentre il Palizzi si occupò di quella artistica. Si trattava di 48 tavole sue, una del fratello Nicola e 51 di altri artisti, in tiratura limitatissima, solo 100 copie. Tuttavia Filippo dovette chiedere l'aiuto di altri artisti poiché era impensabile che potesse dipingere a mano ben 4800 tavole. La raccolta diventò subito introvabile e ancora oggi resta impresa ardua riunire tutte le tavole per una mostra.

Nessun commento:

Posta un commento