Pagine

martedì 6 giugno 2017

Isidoro Vescovi e la sua pittura paesaggistica.

Isidoro Vescovi, “Chiesetta della Maddalena”, 1994, olio su tela, collezione privata.
Isidoro Vescovi  (1913 - 1996), pittore romano, di origine salentina, architetto di professione, dal 1970 è stato ospite frequente di Vasto e del suo comprensorio.


Di lui così scriveva Giuseppe Catania (Vastonotizie, agosto 1989) su una mostra a Palazzo d'Avalos: "Opere di pittura che lasciano scoprire uno stile austero, realizzate con tratto misurato, fresco nella stesura quasi abbozzata, non mirante ad esprimere il dettaglio del soggetto, ove il cromatismo obbedisce ad una attenta armonica composizione, con profondo rispetto dell'ispirazione verista.
Vescovi è stato discepolo, all'Accademia di Belle Arti di Firenze, di Carré e di Carena nei primi anni '30, ed ha maturato la sua pittura attraverso una costante ricerca e superamento di forme.
Nella rappresentazione paesaggistica Vescovi predilige i colori della campagna vastese, i siti e gli angoli ancora superstiti di un mondo arcaico. Infatti, le caratteristiche architettoniche del paese, con la sua storia carica di civiltà, costituiscono l'ispirazione di molte sue opere, alcune delle quali esposte a Vasto.
Tra le più suggestive: Fattorie seminascoste nel lussureggiante giallo dei covoni di grano; rossi tramonti che dominano con un'atmosfera crepuscolare una simbolica, quasi religiosa potatura autunnale degli alberi; una stilizzata figura di vecchio contadino, appoggiato, quasi in simbiosi, ad un contorto ulivo (…) Un mondo ed una espressione pittorica che si identificano, quale specchio fedele nell'animo dell'artista legato indissolubilmente ai valori spirituali dell'uomo interpretati sotto forma d'arte, nella visione d'un mondo in cui l'artista è, nel contempo, testimone del quotidiano”.
Isidoro Vescovi, “Tra i casolari di Vignola”, olio su tela, collezione privata.

Nel recensire un’altra mostra  Giuseppe Catania (Vastonotizie, agosto 1990) aggiunge che “In questo nuovo appuntamento con Vasto Vescovi ha voluto, con luna rinnovata produzione, offrire testimonianza a taluni aspetti paesaggistici, andando alla "scoperta" di quei valori estetici insiti in una tipologia architettonica destinata, purtroppo, ad essere travolta dal progresso. Così il quadro di una casa agreste in rovina, fra un uliveto, con una velata patina di serenità evidenziata da un colore caldo che è proprio nella natura dell'artista, nel suo stile, perché da più luce.
Casolari rustici di Vasto che emergono nella caratteristica applicazione cromatica, nell'espressione semplice e viva; vedute della marina, tipiche, altrettante visualizzazioni nelle quali il colore è protagonista attraverso cui si scoprono momenti ispirativi”.

Isidoro Vescovi, “La natura”, 1982, olio su tela, collezione privata.


Commentando un’altra mostra di Isidoro Vescovi nella “sala delle Esposizioni della Biblioteca Comunale Gabriele Rossetti", Giuseppe Catania (Vastonotizie, settembre 1991) scrive: “(…) Aderente ad una rigorosa obbedienza alla figurazione classica, la produzione pittorica di questo esponente dell'arte contemporanea, suscita sempre consensi di critica e di pubblico.
Isidoro Vescovi ha sempre dipinto con tonalità calde, sin da giovane, in quanto ritenute più luminose ed esaltanti il cromatismo, rinnovandosi con vigore e passionalità.
L'artista ritiene che non occorre copiare il vero, giacché non tutto il visibile è bello, ma è sufficiente trasformarlo secondo il gesto personale, anche perché si possono così aggiungere altre bellezze all'opera d'arte, si accumulano nozioni vere ed utili, mentre la mano si affina per raggiungere tonalità artistiche.
È peculiare in Vescovi la "forma", basata sul disegno, che consente di captare aspetti di gusto sorprendenti, dettati dal proprio temperamento, di significato poetico anche, per dare quella indispensabile caratteristica di armonia compositiva, accostata alla sensibilità cromatica.
Di notevole effetti, così, il quadro della "Chiesetta della Maddalena", nel quale l'artista ha saputo cogliere la "poetica del realismo", che è elemento indissolubile della personalità artistica di Vescovi che ama contraddistinguere le sue opere con inediti squarci di luce, come nella tela della "Aratura", che esprimono una delle più suggestive verità nella pittura, aggiungono corposità all'immagine, concordata da una gradevole visione prospettica. (…) Ed è, certamente, questa caratteristica che rivela l'intensa passionalità che Isidoro Vescovi ha per l'arte pittorica, divenuta meta esistenziale, quale un artista degno di tal nome vanta nella sua piena maturità”.


Per approfondimenti:


Nessun commento:

Posta un commento