Pagine

venerdì 21 aprile 2017

Rodolfo Paoletti, “Veduta di Vasto”, 1895.

Rodolfo Paoletti, “Veduta di Vasto”, xilografia, 1895, cm 13,5x5.



Rodolfo Paoletti
“Veduta di Vasto”, 1895
Xilografia, cm 13,5x5.


Rodolfo Paoletti  (Venezia, 1866 – Milano, dopo il 1920).
Assai scarse le notizie su questo artista, che sembra aver avuto una formazione da autodidatta e che dovette essere attivo per lo più a Milano, almeno fino al 1920 (Silenti armonie, esposto alla Biennale di Venezia nel 1920), prediligendo soggetti veneziani (A Venezia, Roma, Galleria Nazionale d’Arte Moderna). Nel 1898 ottenne il premio Mylius con Cortile con bove (Milano, Pinacoteca di Brera). Espose a Milano (1894, La poesia dell'istinto; 1900, Extra Muros; 1906, Mattino d'Autunno), a Torino (1896, Venezia-Laguna; 1898, Verziere di Milano; 1908, Il paziente) e a Venezia (1907, «...a che ignoti dolori o tormenti di speme lontana?»).
Lavorò anche come illustratore.





Nessun commento:

Posta un commento