Pagine

lunedì 8 maggio 2017

Valerico Laccetti, "Laccetti 1° P.", insegna dello studio d'arte al primo piano del Lungotevere Mellini, 24 a Roma.

Valerico Laccetti, insegna dello studio d'arte al 1° piano del Lungotevere Mellini, 24 a Roma, 
dipinto su lamiera.
Valerico Laccetti, "Laccetti 1°P.", insegna dello studio d'arte al primo piano del Lungotevere Mellini, 24 a  Roma, dipinto su lamiera, collezione Consiglio Regionale d' Abruzzo.

Targa commemorativa studio d'arte di Valerico Laccetti, Lungotevere Mellini, 24,  Roma.

VALERICO LACCETTI                     DA VASTO
POSATO IL PENNELLO DEL          CRISTUS IMPERAT
NELLA QUIETE DI QUESTO           SUO STUDIO
DALLA STORIA E DALLA               FEDE
ALTRI QUADRI RIEVOCO'              CON LA PENNA


Valerico Laccetti 
Valerico Laccetti  (Vasto, il 18 giugno 1836 – Roma, 8 marzo 1909.)
Ricevette una buona formazione letteraria nella città natale; la passione per le opere di W. Shakespeare ispirò i suoi primi disegni di scene teatrali, che ne rivelarono il precoce talento. A soli diciassette anni, nel 1853, si iscrisse alla Reale Accademia di belle arti di Napoli, dove si trasferì.
Qui studiò disegno con G. Mancinelli ed ebbe presto modo di mettersi in luce  vincendo alcuni concorsi.
Laccetti completò la sua formazione con il cugino Filippo Palizzi che lo indirizzò verso la pittura dal vero e lo portò a specializzarsi nel genere animalistico.
Da Napoli nel 1863 si trasferì a Roma, dove riuscì presto ad affermarsi. I suoi lavori furono accolti con favore dal pubblico straniero e dalle giovani generazioni d'artisti.
Raggiunto un buon successo commerciale, nel 1872 si trasferì a Parigi. Qui fu ospite del cugino Giuseppe Palizzi e strinse amicizia con Thomas Couture.  A Parigi fu influenzato nei suoi paesaggi dalla scuola di Barbizon.
Il successo internazionale  gli valse in patria la croce dell'Ordine della Corona d'Italia.
Intorno al 1880 il Laccetti decise di abbandonare il genere animalistico e paesaggistico, per concentrarsi sulla pittura di storia.
Negli ultimi anni della sua vita si dedicò alla scrittura di opere teatrali.

Dalla enciclopedia Treccani:


Lapide sulla casa natale in Via Valerico Laccetti a Vasto.


Per approfondimenti:



http://www.chieracostui.com/costui/docs/search/schedaoltre.asp?ID=21059


Lunarie de lu Uaste ovvero l’Almanacco dei vastesi, 2008.

Nessun commento:

Posta un commento